Esempio di applicazione della direttiva macchine

2011-06-28 13.19.07

Esempio di applicazione della direttiva macchine

Gli insiemi di macchine

Un caso complesso, ma abbastanza frequente, di applicazione della Direttiva Macchine, si verifica quando si assembla o si modifica una linea di produzione che, nell’ambito della direttiva, è classificata come “macchina” ed è pertanto soggetta alle stesse prescrizioni.

Secondo la Direttiva 2006/42/CE, due o più macchine costituiscono un insieme quando:

  • sono assemblate insieme per una specifica applicazione, come nel caso della produzione di un determinato prodotto
  • sono funzionalmente collegate, per cui l’operazione di una macchina influisce sulle macchine precedenti o successive
  • le macchine dell’insieme sono coordinate da un sistema di controllo comune.

Due o più macchine in cascata, che funzionano in modo indipendente, non costituiscono un insieme.

Gli insiemi di macchine erano già considerati tali dalla precedente Direttiva 98/37/CEE.

La marcatura CE delle singole macchine non è sufficiente a garantire la conformità dell’insieme, perché ai rischi delle singole macchine si aggiungono quelli derivanti dall’interfacciamento, che le rende solidali ai fini dell’applicazione prevista.

Gli insiemi devono pertanto essere dichiarati conformi alle direttive pertinenti, essere marcati CE, essere corredati di un fascicolo tecnico comprendente la valutazione dei rischi, della dichiarazione di conformità e di un manuale di istruzioni.

Chi è responsabile dell’assemblaggio di una linea di produzione?
La persona che costituisce un insieme di macchine è considerata il costruttore dell’insieme, ed è responsabile di assicurare che l’intero sistema sia conforme ai requisiti di sicurezza e salute previsti dalla Direttiva Macchine e delle altre direttive applicabili.

Questa persona può essere l’utilizzatore dell’impianto, se esegue in proprio l’assemblaggio o le modifiche a un impianto esistente, oppure un assemblatore esterno, al quale viene demandata la realizzazione dell’insieme complessivo o la modifica di una linea preesistente.

Applicazione direttiva EMC in un insieme di macchine
La dichiarazione di conformità relativa alla Direttiva Compatibilita Elettromagnetica  EMC è prescritta per le singole apparecchiature assemblate, ma non è richiesta per le installazioni fisse, quale una linea di produzione completa.

Nella pratica sono rilevanti i seguenti casi:

  • linea nuova realizzata con macchine nuove e quasi-macchine
  • linea nuova realizzata con macchine e quasi-macchine nuove, piu macchine usate provenienti o meno dall’UE (Trasferimento)
  • aggiunta o sostituzione di una o piu macchine su linea preesistente, antecedente
  • o successiva alla data di attuazione della marcatura CE

Commenta:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *