ACQUISTARE UNA CENTRALINA OLEODINAMICA DA INSERIRE IN UNA MACCHINA: QUALE MARCATURA CE DEVO CHIEDERE – SE RIENTRA IN DIRETTIVA PED

ACQUISTARE UNA CENTRALINA OLEODINAMICA DA INSERIRE IN UNA MACCHINA: QUALE MARCATURA CE DEVO CHIEDERE – SE RIENTRA IN DIRETTIVA PED

In generale una “centralina” è di composizione estremamente semplice.

Tale sistema è costituito da un Serbatoio, Motore elettrico e Pompa, il Manometro, una Valvola di massima pressione, Tubazioni ed accessori di collegamento per l’olio idraulico.

Vediamo di capire come ci si debba comportare ai sensi della Direttiva PED e Direttiva Macchine: la pompa e l’unità controllo pressione sono escluse dal campo d’applicazione della Direttiva PED (art. 1,3,10 della Direttiva 97/23/CE); il serbatoio con il suo coperchio è comunemente messo in comunicazione con l’atmosfera attraverso il filtro d’aria, quindi non è sottoposto ad una pressione relativa > 0,5 bar, pertanto ad esso non s’applica la PED; gli alloggiamenti dei filtri in genere sono in categoria non superiore alla I, quindi, nell’ambito dell’insieme sono esclusi dal campo d’applicazione della Direttiva PED (art. l,3,f del D.Lgs. 25/00).

La centralina oleodinamica cade in generale nel campo di applicazione della Direttiva Macchine (Direttiva Macchine 2006/42 o certificazionece.it),

(Dichiarazione di incorporazione) ma è soltanto uno dei componenti di un impianto oleodinamico.

Si deve quindi applicare la PED all’insieme. Il processo da seguire è il seguente: per quanto

riguarda il cilindro oleodinamico ed il distributore essi sono esclusi dal campo d’applicazione della Direttiva (art. 1,3,10 della Direttiva 97/23/CE); tenendo conto del fluido, secondo l’Articolo 1, comma 3, lettera f), se il dispositivo è di Categoria I ed è contemplato dalla Direttiva Macchine, allora la Direttiva PED è esclusa; per individuare la Categoria delle le tubazioni oleoidrauliche si utilizza la Tabella 9 dell’Allegato II.

Quindi, se anche le tubazioni risultano essere al massimo alla categoria I, l’intero insieme —

impianto oleodinamico — non cade nel campo d’applicazione della PED, pertanto si applicherà la Direttiva Macchine e non si applicherà la PED.

Si può concludere che un impianto oleodinamico privo di un accumulatore, è in linea di principio, escluso dal campo d’applicazione della PED.

Al contrario, considerando un sistema oleodinamico con accumulatore, le cose cambiano.

L’accumulatore idraulico è un recipiente bicamerale; un recipiente del genere non solo cade nel campo di applicazione della Direttiva PED, ma spesso risulta essere di categoria 4.

Quindi gli impianti oleodinamici, che contengono un accumulatore (ad esempio le macchine utensili), non possono essere esclusi dalla PED. Infatti, la presenza dell’accumulatore (in generale di Categoria superiore alla I), fa sì che Venga fatta la Valutazione di conformità dell’insieme, con l’intervento di un Organismo Notificato.

 

PS: Fammi sapere cosa ne pensi dell’articolo.
Lasciami un tuo commento sotto al blog
quando hai finito di leggerlo per farmi sapere
se ti e’ piaciuto.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Commenta:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *